Quali sono le migliori proteine vegetali e vegane in polvere?

proteine vegetali e vegane
Se i fenomeni della dieta vegana e di quella vegetariana sono in crescita negli ultimi anni, così pure lo è la produzione di integratori alimentari che consentono di avere una dieta bilanciata. Tra questi le proteine in polvere, sia vegane che vegetariane, vengono consumate in misura sempre maggiore specialmente tra coloro che svolgono un’intensa attività di fitness.

Ma quali sono le migliori proteine vegetali e vegane in polvere?

Amazon’s Choice:

Foodspring – Whey Protein al Cocco Croccante

  • 80% da proteine del siero del latte
  • contiene proteine BCAA
  • contiene solo dolcificanti naturali, senza aspartame

Il #1 più venduto:

nu3 Vegan Protein

  • solo aromi naturali
  • senza aspartame
  • corretto bilanciamento di proteine vegane

Con bio certificato

Nutrizing – Proteine di Pisello Biologico in Polvere

  • solo da piselli bio certificati
  • senza lattosio
  • zero zuccheri aggiunti

1. Foodspring – Whey Protein al Cocco Croccante

  • 80% da proteine del siero del latte
  • contiene proteine BCAA
  • povere in grassi e carboidrati
  • contiene solo dolcificanti naturali, senza aspartame

Le proteine del siero del latte del marchio Foodspring sono a nostro parere tra le migliori proteine vegetariane in polvere in circolazione. Sono costituite dall’80% da proteine del siero del latte e BCAA in un mix perfetto per l’accrescimento muscolare che le rende adatte agli sportivi e ai bodybuilder sia amatori che professionisti.

La sua formula speciale è caratterizzata da proteine isolate povere in grassi e carboidrati senza rinunciare al gusto di un ottimo frullato proteico. Gli ingredienti utilizzati per le proteine Foodspring sono completamente naturali e derivate da latte di mucche allevate al pascolo e dolcificato con stevia, una pianta naturalmente ricca di zuccheri che permette di non utilizzare prodotti di sintesi come l’aspartame.

Queste Whey protein sono formulate per essere facilmente solubili sia in acqua che nel latte, senza formare quei fastidiosi grumi difficili da sciogliere. In questa formula da noi consigliata, le proteine sono al gusto di cocco con piccoli pezzettini di cocco croccanti.

2. nu3 Vegan Protein 3K – Gusto Cookies&Cream

  • solo aromi naturali
  • senza aspartame
  • corretto bilanciamento di proteine vegane
  • senza coloranti né conservanti

Le proteine vegetali nu3 forniscono 21 grammi di proteine per frullato secondo le dosi consigliate, nello specifico 69 g di proteine per 100 grammi di integratore, la concentrazione ideale per il mantenimento e la ricostruzione della massa muscolare dopo un’intensa attività fisica. Sono tra le nostre proteine preferite perché rappresentano un profilo amminoacidico completo senza l’aggiunta di aromi né zuccheri di sintesi.

Le proteine vegetali utilizzate sono di altissima qualità e l’unica fonte di dolcezza, per renderlo gradevole al palato, è costituita dalla stevia, nello specifico da glicosidi steviolici, un dolcificante di origine naturale e da sucralosio, senza aspartame.

Le Vegan Protein nu3 sono una perfetta combinazione di proteine isolate di piselli (78%), concentrato di proteine di riso (5%) e polvere di proteine di canapa (5%), correttamente bilanciate per un corretto apporto di tutti gli amminoacidi essenziali con un incredibile Chemical Score che porta questo prodotto al livello di eccellenza delle proteine vegane e vegetariane in polvere più famose. Queste proteine in polvere inoltre, non contengono coloranti o conservanti, non contengono lattosio né gelatine di alcun tipo. Per voi abbiamo scelto le proteine nu3 Vegan Protein 3K al gusto biscotto Cookies&Cream.

3. BodyMe Bio – Miscela Di Proteine Vegane Bio In Polvere

  • miscela di 3 tipi di proteine
  • solo da prodotti biologici certificati
  • no OGM, glutine e dolcificanti chimici

La miscela di proteine vegane BodyMe Bio contengono in ogni porzione da 33 gr, un totale di 21g di proteine vegane complete. Queste proteine vegetali sono bilanciate con una miscela perfetta di 3 proteine, complete di tutti gli aminoacidi essenziali: proteine di pisello biologico, proteine da riso integrale germogliato bio e proteine derivate dalla canapa anch’essa biologica. Completano il profilo degli ingredienti utilizzati anche piccole percentuali di cacao, cocco, semi di lino macinati, inulina prebiotica, curcuma e pepe nero, tutti da agricoltura biologica.

Le proteine in polvere BodyMe Bio sono certificate vegane con tutti i parametri in regola per essere considerate tra le più salutari sul mercato: senza OGM, senza dolcificanti chimici e senza glutine. L’azienda BodyMe include nella sua etica di produzione aziendale l’attenzione per l’ambiente, promuovendo un processo produttivo volto all’utilizzo della sola energia rinnovabile destinando il 10% del profitto netto in beneficenza.

4. Loov – Polvere Proteica di Canapa Biologica

  • solo da canapa biologica certificata e controllata
  • solo aromi naturali
  • ricca in sali minerali

La polvere proteica vegana Loov ricavata dalla coltivazione della canapa biologica ha una concentrazione in proteine vegetali del 50%. La canapa è coltivata nella splendida cornice dei campi biologici dell’Estonia, da un’azienda a conduzione familiare dove il clima nordico e l’attenzione al rispetto dei dettami biologici consentono di non trattare la canapa termicamente preservandone tutte le proprietà nutrizionali e il naturale aroma di nocciola che sprigiona.

La provenienza controllata e certificata dei semi di canapa, inoltre garantiscono l’alta qualità del prodotto. La polvere di proteine dei semi di canapa Loov è ricca di magnesio, potassio, calcio, ferro, sodio e acidi grassi essenziali, fornisce un apporto di proteine vegane che permettono di mantenere e aumentare la massa muscolare, mentre l’alto contenuto di fibre favorisce la digestione, la pulizia del colon e la detossicazione dell’intestino.

Senza esaltatori di sapidità artificiali, questa polvere proteica di canapa ha una consistenza morbida e sottile, non grumosa o sabbiosa, che solitamente è indice di scarsa qualità. Questa caratteristica la rende perfetta sia per dei frullati proteici ma anche come ingrediente per ricette vegane da forno o come sostituto per coloro che sono intolleranti al lattosio. Le proteine in polvere Loov di semi di canapa hanno un piacevole retrogusto di nocciola e sono senza aromi aggiunti.

5. Premium Body Nutrition – Whey Protein ISOLATE

  • contiene sucralosio e privo di aspartame
  • si disciogli facilmente
  • da proteine del siero del latte

Ogni porzione di Whey Protein ISOLATE della Premium Body Nutrition contiene 26 g di proteine. La Premium Body Nutrition produce proteine isolate del siero di latte in polvere e ve le proponiamo nel gusto cioccolato.

Perfette sia per mantenimento, che per l’accrescimento della massa muscolare, le Whey Protein ISOLATE sono proteine in polvere vegetariane che forniscono tutti gli amminoacidi essenziali e sono prive dell’effetto limitante. Prive di aspartame, contengono il sucralosio come dolcificante, che in combinazione con il cacao permette di ottenere frullati dolci ed appetitosi, con il corretto apporto di proteine per una dieta equilibrata e adatta sia a vegetariani che necessitino di integratori proteici, sia ai bodybuilder che devono provvedere alla ricostruzione muscolare nei periodi di allenamento intensivo.

Formulato con prodotti di alta qualità, è un prodotto molto versatile in confezione da 75 porzioni, si discioglie facilmente sia in acqua che nel latte, è perfetto anche per preparazioni da forno o per esempio come integratore alimentare da inserire nelle ricette di pancakes proteici o biscotti.

6. Nutrizing – Proteine di Pisello Biologico in Polvere

  • solo da piselli bio certificati
  • senza lattosio
  • zero zuccheri aggiunti

La polvere di proteine di pisello Nutrizing è al 100% puro & biologico e contiene 24 grammi di proteine per 33 gr di prodotto. Non contiene sostanze o agenti chimici, né dolcificanti artificiali o zuccheri aggiunti.

Le proteine in polvere Nutrizing sono certificate sia come biologiche che come vegane poiché non contengono lattosio, né proteine dal siero del latte in genere. E’ ipollargenico, poiché oltre a non contenere lattosio è anche privo di soia, glutine, caffeina e non contiene OGM di alcun tipo.

Contiene 8 aminoacidi essenziali fornendo oltre l’80% di proteine senza contenere carboidrati. Queste proteine in polvere possono essere utilizzate in frappè, frullati, porridge o anche zuppe, come integratore in cucina o come sostituto dei prodotti di origine animale nelle diete vegane. Molti sportivi e bodybuilder utilizzano il miele, la stevia o lo sciroppo d’agave come dolcificante naturale per arricchirne il sapore.

Sono proteine che si prestano facilmente ad ogni tipo di preparazione, fornendo moltissimi amminoacidi essenziali e il prodotto risulta perfetto anche da mettere in combinazione con altre pietanze per poter raggiungere l’apporto proteico giornaliero senza impazzire in cucina.

7. Biotiva – Frullato proteico vegano BIO

  • rapporto 70:30 di proteine di riso e proteine di pisello
  • da agricoltura biologica
  • senza lattosio, glutine, soia, zuccheri aggiunti o additivi

Biotiva produce questo mix di polveri di origini vegetali perfetto per un frullato proteico energetico pre o post workout. Queste proteine in polvere sono composte per l’83% da proteine vegane.

Derivate da proteine di riso e piselli da coltivazione ecosostenibile biologica, cereali e legumi vengono macinati e ridotti in polvere senza perdita di principi attivi, con un rapporto proteico da 70:30 di proteine di riso e proteine di pisello. Prodotto in Germania da un’azienda con 35 anni di esperienza sul campo le proteine in polvere Biotiva sono ipoallergeniche poiché non contengono lattosio, glutine, soia, zuccheri aggiunti o additivi.

Adatto nell’integrazione proteica in una dieta vegana è perfetto anche come integratore sportivo per amatori e bodybuilder che necessitano di preservare o incrementare la propria massa muscolare. Queste proteine in polvere Biotiva sono perfette per fare frullati, frappè ma anche da utilizzare in cucina nei modi più svariati, nella produzione di torte, biscotti e pancakes.

Domande frequenti sull’utilizzo di proteine in polvere

Per rispondere questa domanda dobbiamo innanzitutto analizzare il contenuto di queste proteine in polvere, i loro nutrienti e la loro composizione in termini di percentuali e tipologia di amminoacidi presenti.

Escludendo i principi della dieta vegana che ci obbligherebbero alla prima scelta, vediamo in cosa si differenziano le due tipologie di proteine in polvere. Le proteine a base di siero di latte, come dice il loro nome derivano dal siero di latte vaccino, ed è quindi ricco di sostanze che possono creare disturbi a coloro che sviluppano una sensibilità per esempio al lattosio o alla caseina; le conseguenze consistono in mal di testa, disturbi dell’intestino, nausea e vomito. Queste problematiche sono imputabili non alle proteine stesse ma alla sensibilità di chi le consuma.

Per questo motivo, invece, le proteine vegane, che sono composte al 100% da sostanze vegetali non sono invece responsabili di disturbi di alcun tipo, poiché solitamente sono anche prive di altre sostanze allergeniche come la soia e il glutine. L’apporto proteico è minore in quelle vegane pertanto le dosi da assumere in termini di grammatura dipenderanno da persona a persona.

La risposta è: si. Dobbiamo ricordarci che le proteine in polvere, come ogni altro integratore non sono dei sostituti ad una dieta varia e bilanciata. Sicuramente però le proteine vegane o vegetali, aiutano a raggiungere il fabbisogno proteico giornaliero necessario sia in condizioni di normale attività fisica che per gli sportivi e amanti del fitness che desiderano aumentare la propria massa muscolare. A questo proposito consigliamo di attenersi sempre alle indicazioni del produttore, per quanto riguarda le dosi da assumere giornalmente.

Dal punto di vista scientifico è stato dimostrato come una dieta vegana, considerata quella più estrema e meno ricca in fonti proteiche, se ben bilanciata e studiata, può essere una dieta completa; inoltre, è anche dimostrato che chi la segue in maniera rigorosa, abbia necessità di assumere un solo tipo di integratore, ovvero la vitamina B12.

Tuttavia la vita frenetica e il susseguirsi di fitti impegni giornalieri, possono impedire di dedicare la corretta attenzione alla preparazione e pianificazione dei pasti, rischiando quindi di non fornire al corpo la quantità di proteine necessaria durante la giornata a discapito del giusto mantenimento della massa muscolare.

A questo proposito le proteine in polvere, vegane o vegetariane, sono il supplemento ideale per sopperire a questa mancanza, consentendo di completare la dieta con quelli che sono definiti gli ‘aminoacidi limitanti’. I cereali infatti sono ricchi in aminoacidi, inclusi i BCAA ovvero gli aminoacidi ramificati, ma è anche vero che nessun cereale contiene tutti gli amminoacidi essenziali, per questo motivo è importante l’alternanza controllata di tutte le fonti di amminoacidi per soddisfare il fabbisogno proteico del proprio corpo, e l’assunzione di un integratore di proteine è la migliore soluzione a questo inconveniente.

Anche qui la risposta non è univoca. I parametri da valutare quando decidiamo quante proteine assumere dipende dal tipo di allenamento che si svolge, dalla dieta che si segue, dalle caratteristiche fisiche personali e dagli obiettivi che desideriamo raggiungere. Se assumiamo proteine vegane, queste saranno di qualità inferiore, in termini di valenza proteica, rispetto a quelle vegetariane che invece contengono le proteine da siero del latte.

Questo non vuol dire che le proteine vegane facciano male ma piuttosto che ne servono in misura maggiore per raggiungere e completare il fabbisogno proteico giornaliero. In linea generale il fabbisogno proteico dipende innanzitutto dal peso del soggetto analizzato e dall’attività fisica svolta. Un soggetto sedentario necessita in totale da 0,9 a 1 gr di proteine per kg di peso corporeo, un bodybuilder potrebbe averne bisogno fino a 2,5 gr per kg.

Per questo motivo prima di assumere proteine in polvere è sempre consigliabile consultare un medico o il proprio istruttore in palestra per sapere la quantità giusta da assumere.

Nella dieta occidentale maggiori, uno dei problemi è proprio l’eccesso di consumo di proteine. Tuttavia questo accade quando si è particolarmente pigri e sedentari e in caso di consumo eccessivo di carne. Nei soggetti vegetariani e soprattutto vegani invece il problema è apposto, esiste il rischio di un apporto proteico troppo basso rispetto alla necessità giornaliera, specialmente nei soggetti che svolgono molta attività fisica.

Tuttavia è opportuno ricordare i rischi in caso di consumo eccessivo di proteine. Il rischio principale consiste in un sovraccarico renale con molte sostanze di scarto azotate seguito da disidratazione corporea generale. Questo provoca una variazione pH corporeo verso l’acidosi favorendo l’insorgere di stati infiammatori.

L’errore più comune invece consiste nel non bilanciare correttamente i vari tipi di amminoacidi, eccedendo con alcuni e andando in carenza di altri, ma il modo per ovviare a questo problema è assumere proteine vegetali che combinano proteine derivate da cereali con proteine derivate da legumi, come alcuni dei prodotti che vi abbiamo proposto in precedenza nell’articolo.